Abbonati
Per viaggiare nelle località turistiche italiane
Contattaci al: +39 0984 795523

Vacanze in Friuli Venezia Giulia

friuli-venezia-giulia-trieste

Friuli Venezia Giulia

Crocevia di culture, di lingue, di nazionalità diverse; luogo d’incontro tra saperi, conoscenze, tradizioni differenti; agorà di popoli e genti disparate. Questo e molto di più rappresenta il Friuli Venezia Giulia, regione a statuto speciale: e speciale è la sua natura nel panorama italiano.

La collocazione al confine con l’Austria e con la Slovenia ha reso il Friuli Venezia Giulia (già di per sé frutto dell’unione dei due territori omonimi) un luogo dall’indole variegata perché intrisa anche dei caratteri dei vicini. Ed è da questa mescolanza che la regione ha tratto un fascino tutto particolare, un inedito eclettismo culturale. Inoltrarsi in una terra di frontiera come questa significa ritrovarsi in una dimensione ricchissima di influenze. Simbolo ne è Trieste: città di confine per eccellenza, stretta fra il mare Adriatico e l’Altopiano del Carso, fonde il Mediterraneo con l’Europa. Il suo charme ha conquistato artisti e letterati che l’hanno celebrata nelle loro opere.

Trieste, d’altronde, è uno scrigno che racchiude tesori. Dal castello di Miramare al castello di San Giusto; dal Palazzo delle Poste a Palazzo Leo, da Palazzo del Municipio a Palazzo Modello e Marenzi fino a Palazzo del Governo; dal Teatro Romano all’Arco di Riccardo fino alla Basilica Forense; dalla Cattedrale di San Giusto alla Chiesa serbo-ortodossa della Santissima Trinità e di San Spiridone fino alle chiese dedicate alla Beata Vergine del Soccorso e del Rosario. Meravigliosa la Piazza Unità d’Italia affacciata sull’Adriatico; da non perdere Piazza della Borsa, Canal Grande, Faro della Vittoria, Parco della Rimembranza, Caffè San Marco, ritrovo storico di celebri intellettuali europei.

Un’atmosfera di confine caratterizza anche Gorizia: basti pensare che passeggiare nella piazza della Transalpina significa trovarsi nello stesso tempo in due nazioni, essendo divisa da una linea di mattonelle di pietra tra il comune italiano e quello sloveno di Nova Gorica. Il castello medievale, il borgo che lo circonda ed il Parco del Palazzo Coronini Cronberg spiccano nella città amata dall’aristocrazia asburgica che adorava frequentare sin dall’Ottocento anche Grado e le sue terme marine, pure oggi meta di chi cerca una vacanza all’insegna del benessere. Sabbia fine, acque basse, servizi d’alta qualità, impianti sportivi contraddistinguono l’area lagunare di Grado. Di fronte ad essa Lignano Sabbiadoro, Lignano Pineta e Lignano Riviera, le tre facce di una località rinomata: anche qui relax e movida s’intrecciano.

Nel Friuli Venezia Giulia gli appassionati di storia non potranno invece non visitare, poco sopra Grado, Aquileia, il più importante sito archeologico del Nord Italia insieme con Ravenna, Patrimonio dell’Umanità Unesco, né lasciarsi sfuggire verso l’interno Udine e Pordenone: città eleganti e raffinate, autentici salotti a cielo aperto, in cui è piacevole incontrarsi nei ristoranti caratteristici o sotto i portici, tra i palazzi affrescati.

Montagna, mare, archeologia, benessere, storia e tradizioni.

Più a nord, nel Friuli Venezia Giulia, le Alpi Carniche, al confine con Austria e Veneto, offrono un mondo di folclore, in cui scoprire il carattere più autentico del Friuli Venezia Giulia. I borghi caratteristici, in cui resistono le tradizioni artigianali e agricole, riportano i visitatori alla bellezza delle cose semplici, di una passeggiata nei boschi, tra cascate, laghetti e canyon, bivacchi e rifugi, nel Parco naturale delle Dolomiti friulane o nel Parco delle Colline Carniche. E non ci si sorprenda se tra l’erba si scorgono gli strani folletti e le creature magiche che le leggende vogliono abitanti di questi luoghi. La Carnia è tutta da scoprire, così come Cividale del Friuli (altro sito Patrimonio dell’Umanità Unesco), con le sue suggestioni longobarde: da non perdere il Duomo, il Museo Archeologico Nazionale, le cavità sotterranee dell’Ipogeo celtico. L’eco delle civiltà antiche si confonde qui con le influenze provenienti dalla Slovenia, che Cividale tange attraverso le Valli del Natisone, fiume magico in cui, secondo il mito, si bagnano le fate con i piedi all’indietro.

Tanti spunti e idee di viaggio per chi vuole visitare il Friuli Venezia Giulia.

1 commento

Lascia un commento