Abbonati
Per viaggiare nelle località turistiche italiane
Contattaci al: +39 0984 795523

Vacanze a Matera

Vacanze a Matera: Capitale Europea della Cultura nel 2019

Ammirare i Sassi e i rioni antichi di Matera è un’emozione unica

Inserisci nei tuoi appunti di viaggio in Italia il seguente termine: Vacanze a Matera. Come già saprai, questa importante località turistica italiana è stata eletta Capitale Europea della Cultura per il 2019, un evento straordinario che proietta Matera verso un’esposizione di portata mondiale.

Ci saranno sicuramente tante iniziative per questa occasione, probabilmente tanti turisti si recheranno nella città lucana per ammirare la sua particolare atmosfera che riporta indietro nei tempi.

Forse è bene pensare a organizzare una visita per godersi meglio i Sassi di Matera e tutto ciò che li circonda.

vacanze a matera,

I rioni moderni estesi sul pianoro e la parte antica posizionata sul ciglio e sul fianco accidentato di una gravina, con le case scavate nella rupe. È uno spettacolo di straordinario interesse”.

Così le guide turistiche degli anni Novanta descrivevano la città a chi trascorreva le vacanze a Matera, primo sito dell’Italia Meridionale a ricevere il titolo di Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

Il comune lucano si presenta agli occhi del visitatore in tutta la sua semplicità.

I Sassi ricordano il passato agricolo e pastorale, ma allo stesso tempo fanno comprendere come la pratica riesca a superare la teoria e come l’ingegno dell’uomo riesca a sopperire alle limitazioni imposte dai luoghi.

I Sassi sono i rioni antichi della città e si dividono in due parti: il Sasso Caveoso ed il Sasso Barisano sono separati infatti dallo sperone roccioso della Civita.

Questa particolare posizione geografica le ha consentito di passare quasi inosservata davanti ai nemici che nel fluire del tempo le hanno lambito i lati.

O forse anch’essi sono rimasti così interdetti di fronte al fascino del posto da lasciarlo lì, immacolato e puro, a memoria del futuro.

Fare le vacanze a Matera significa anche conoscere la sua topografia

La topografia della zona prende come punto di riferimento proprio il Sasso della Civita. Rispetto ad esso, rivolto verso Nord-Ovest, è situato il Sasso Barisano: centro nevralgico della città vecchia, ricco di testimonianze artistiche e storiche.

Sono soprattutto i fregi e i portali a rendere questa parte della città unica e inimitabile.

Il Sasso Caveoso, invece, si rivolge verso Sud, con le case scavate nella roccia, quasi a mo’ di grotta, che diradano a gradoni verso la parte bassa. Al centro, a dominare la valle e ad ergersi a ideale punto d’incontro, il Sasso della Civita sulla cui sommità è ospitata la Cattedrale, circondata dai palazzi nobiliari e dalle dimore gentilizie.

La chiesa si presenta in stile romanico, con decise influenze provenienti dalla vicina Puglia. Venne eretta nel XII secolo sull’area che accoglieva un tempo l’antico monastero benedettino di Sant’Eustachio.

Impressionante il campanile di oltre 52 metri che slancia l’intera figura, rendendola ancora più grandiosa.

Nel tempio si trovano un presepe del ‘500 (opera dello scultore Altobello Persio) e due affreschi: il primo raffigura la Madonna della Bruna, mentre il secondo il Giudizio universale.

Altri i luoghi di culto da visitare: la chiesa di San Giovanni Battista, di San Pietro Caveoso, di San Francesco d’Assisi (che custodisce l’antica cripta dei Santi Pietro e Paolo), di Santa Chiara, del Purgatorio, di San Domenico, di Santa Lucia e Agata alla Fontana, il Santuario della Madonna della Palomba.

Una menzione a parte spetta al Convento di Sant’Agostino, dichiarato monumento nazionale italiano, ed al Santuario della Madonna di Picciano.

Quest’ultima chiesa è situata appena fuori città ed è legata ad una leggenda popolare secondo la quale la Madonna sia apparsa su una quercia ad alcuni pastori impegnati nella transumanza.

Grazie a questa particolare testimonianza di fede la località di Picciano è appartenuta prima ai Cavalieri Templari e poi a quelli dell’Ordine di Malta.

Le chiese rupestri di Matera

Una delle caratteristiche culturali più importanti di Matera è rappresentata dalla presenza di piccole chiese rupestri. In città e lungo le Gravine del Parco della Murgia se ne contano circa 150.

Si tratta di piccoli luoghi di raccoglimento, scavati nella roccia per devozione, ma che nel tempo hanno segnato lo scorrere della vita della comunità materana.

Tra le più significative: Santa Lucia alle Malve, Santa Maria di Idris, Santa Barbara, la Madonna delle Virtù, San Nicola dei Greci, San Pietro Barisano ed il Convicinio di Sant’Antonio.

Non vorrai perderti tutto questo? Organizza le vacanze a Matera in tempo utile per goderti tutte queste meraviglie.

Dove dormire a Matera

Alcuni suggerimenti per chi vuole soggiornare a nella Città dei Sassi. Abbiamo fatto una mini-ricerca di hotel e strutture dell’ospitalità basandoci sulle valutazioni delle persone che hanno trascorso le vacanze a Matera.

Indichiamo anche il link alla scheda local su Google Maps, con un semplice clic da mobile si ottengono le indicazioni per arrivare a destinazione.

Locanda di San MartinoHotel 3 Stelle

La struttura occupa una chiesa sconsacrata e le case grotta che la circondano, tutte collegate da scale esterne. Si trova a 6 minuti a piedi dalla Cattedrale di Matera e a 10 minuti dal museo demo-antropologico della Casa Grotta di Vico Solitario. Camere e suite arredate singolarmente in una struttura con Spa e piscina coperta.

Scheda Local Google Maps – Clicca qui.

Hotel del Campo4 Stelle

Hotel tradizionale in stile italiano con un raffinato ristorante, un bar, una piscina scoperta e un giardino.

Scheda Local Google MapsClicca qui.

Residence del CasalnuovoHotel 3 Stelle

Hotel di lusso del IX secolo con camere sotterranee, dettagli in pietra a vista e terrazza panoramica.

Scheda Local Google MapsClicca qui.

Dove mangiare a Matera

Anche per i ristoranti e le pizzerie abbiamo scelto come criterio la valutazione superiore a 4 stelle e indichiamo il link alla scheda local di Google Maps, con un semplice clic sarà facile contattare o avere le indicazioni stradali.

Trattoria del Caveoso

Cucina tipica materana. Crapiata materana, carne lucana alla brace e digestivi della casa in un locale rustico scavato nella roccia.

Link alla scheda localClicca qui.

Trattoria Lucana

Piatti casarecci materani in un locale del 1900 a gestione familiare con soffitti a volta e arredi di legno.

Link alla scheda localClicca qui.

Taverna La Focagna

Dedicato a quanti amano gustare sapori tradizioni sorseggiando buoni vini e particolari birre nel tipico contesto contadino, al calore di un vecchio focolare.

Link alla scheda localClicca qui.

Ristorante Francesca

Piatti lucani rivisitati serviti tra muri di pietra, clima intimo e arredi eleganti in una grotta materana.

Link alla scheda localClicca qui.

Cerchi una pizzeria a Matera?

Pizzeria Oi Marì

Pizza napoletana, pasta fresca e dolci in una grotta scavata nel tufo, con tavoli e sedie di legno massello.

Link alla scheda localClicca qui.

AltraPizza

Pizzeria a pochi passi dai Sassi di Matera. Impasto a lenta maturazione (altamente digeribile) con possibilità di usufruire di impasti differenti, ad esempio al grano arso.

Link alla scheda localClicca qui.

KappadorLa finestra sui Sassi

Pizza e pietanze lucane dal tocco creativo servite tra pareti colorate in un locale con terrazza vista Sassi.

Link alla scheda localClicca qui.

Link utili per chi visita Matera

Inserisco due link a risorse utili per chi viaggia verso la Basilicata, in particolare:

  1. l’ottima app territoriale My Basilicata, dove puoi trovare tanti riferimenti per muoverti nella regione, basta scaricarla su smartphone o tablet, è gratis, per essere facilmente guidati sul territorio grazie alla geolocalizzazione del dispositivo mobile;
  2. cosa dicono le persone che hanno visitato questi luoghi e hanno rilasciato recensioni su servizi e location di vario genere, clicca qui.

Non mi resta che augurarti Buone Vacanze a Matera! 🙂

PS: L’immagine della foto in evidenza è stata scaricata da Flickr, licenza Creative Commons, ed è di Pietro.

Lascia un commento