Abbonati
Per viaggiare nelle località turistiche italiane
Contattaci al: +39 0984 795523

Umbria Green Card

Umbria Green Card

Il turismo e la mobilità diventano ecosostenibili

Chi ha in programma di acquistare un’auto, dovrebbe prendere in considerazione anche l’idea di una vettura ecologica. Per rendersi conto di quanto siano, non solo rispettose dell’ambiente, ma anche estremamente comode e dalle prestazioni decisamente soddisfacenti, si può sfruttare la meravigliosa occasione che offre l’Umbria, una regione verde per eccellenza, che ha pensato di proporre l’Umbria Green Card. Ma andiamo con ordine e, innanzitutto, scegliamo un weekend o qualche giorno in più per concederci una breve vacanza in quella meravigliosa terra che può essere considerata il cuore dell’Italia.

turismo sostenibile,

Una volta che avete raggiunto una delle meravigliose cittadine che sono tappe obbligate di chi si reca in Umbria, potete richiedere la Green Card pagando un importo variabile che va dai 4 euro fino ai 35 e che offre una serie di servizi utilissimi per chi vuole conoscere le più belle località della regione. L’iniziativa è nata per dare modo ai numerosi turisti di esplorare in auto città, borghi e vallate con un impatto ambientale pari a zero, infatti la card dà il diritto al noleggio di un’auto elettrica con la quale è possibile seguire i percorsi più affascinanti, percorsi i cui itinerari e mappe vengono forniti nel momento in cui si prende materialmente il possesso dell’auto. Le proposte sono tante e consentono di seguire percorsi religiosi, naturalistici, culturali. Tra essi si possono ad esempio annoverare proposte quali Perugia cuore dell’Umbria, le colline Marscianesi, Todi anima pellegrina ai bordi del cielo, Assisi culla del sole e della religiosità e poi ancora Deruta paese devoto all’arte e molte altre.

Il chilometraggio dei diversi itinerari è ovviamente compatibile con l’autonomia della vettura e naturalmente è in atto un grande progetto per la diffusione delle colonnine di ricarica in varie località. Al momento, Enel Distribuzione ha già realizzato 28 colonnine nel territorio del comune di Perugia e sono in programma altre realizzazioni che interesseranno 13 comuni della regione: Norcia, Castiglione del Lago, Assisi, Orvieto, Todi, Foligno, Narni, Gubbio, Assisi, Spoleto, Città di Castello, Terni e Cascia. In questo modo sarà possibile spingersi anche al di fuori del circuito umbro raggiungendo loclità più lontane.

Due sono le vetture elettriche che vengono impiegate sui percorsi turistici, entrambe di Casa di Renault, la due posti Twizy o la berlina Zoe, perfetta per le famiglie. Per conoscere la disponibilità di questi e altri modelli di auto basta andare su siti specializzati in annunci di auto online, ad esempio tra i più conosciuti in Europa troviamo Autoscout24.it,  dove è possibile trovare auto usate in qualsiasi provincia come Brescia , Torino, Livorno, Roma oppure per Regione, auto nuove o km 0 e ricercare i veicoli per tipo di alimentazione, in questo caso elettrica o ibrida. Una volta che saranno collocate le colonnine anche nelle varie località, sarà possibile spingersi anche al di là dei percorsi segnalati e sconfinare fuori regione. Per ricaricare la Zoe basterà una sola ora utilizzando lle apposite colonnine, mentre la Twizy ottiene la sua autonomia completa grazie a una presa di corrente Schuko.

La Green Card non dà solo possibilità di noleggiare un’auto elettrica a prezzi irrisori, ma comprende anche una serie di agevolazioni e sconti per diverse strutture convenzionate (bed & breakfast, agriturismi, hotel) e per gli ingressi a musei e mostre.
A questo punto non resta che vedere le tre fasce di tariffe praticate che dipendono dalla durata del noleggio e dall’auto prescelta.
24 ore con la Twizy costa 4 euro, mentre con la Zoe si deve richiedere una card per famiglia del costo di 7 euro. Il noleggio per tre giorni costa 10 euro e 19 per un nucleo famigliare e con l’opzione settimanale si spendono 18 o 35 euro. Insomma prezzi decisamente convenienti che fanno veramente desiderare di provare le auto elettriche.

1 commento

Lascia un commento